Come scegliere il dialetto cinese giusto
Visibilità multimercato

Traduzione e localizzazione in cinese: come scegliere il dialetto giusto

Visibilità multimercato

Traduzione e localizzazione in cinese: come scegliere il dialetto giusto

Tradurre in cinese e immergersi nella localizzazione di questa lingua può rivelarsi un’attività complessa.  Per coloro che non hanno dimestichezza con la lingua cinese, spesso  non è  chiaro in quale  dialetto effettuare traduzioni per il proprio pubblico di destinazione.  Parliamo  dei diversi dialetti, dove e quando vengono utilizzati e come decidere quale sia il migliore quando  si traduce in cinese. In più,  daremo  alcuni utili suggerimenti per coloro che sono interessati alla localizzazione per il mercato cinese.

Quanti dialetti cinesi esistono? 

Quando si parla di dialetti cinesi, è importante prima  capire che  esistono molteplici  dialetti cinesi scritti e parlati , che variano in tutto il territorio della  Cina  e in altri  Paesi  e regioni  in cui si parla questa lingua, come Taiwan, Hong Kong e Singapore. A differenza delle altre lingue, che annoverano diversi dialetti, come l’inglese americano e l’inglese britannico, oppure lo spagnolo castigliano e latinoamericano, i cinesi madrelingua che non parlano lo stesso dialetto cinese saranno  spesso  completamente incapaci di comprendersi tra loro.  

Il Mandarino è il dialetto principale parlato in Cina  e  il tipo di  Mandarino  utilizzato lì  viene spesso  indicato  come cinese semplificato,  poiché utilizza  una versione  semplificata  dei caratteri tradizionali cinesi.  Quando si trova il cinese scritto fuori dalla Cina, è probabile che si tratti di Mandarino e la maggior parte delle persone che non hanno una profonda conoscenza della lingua si riferiscono al mandarino quando  parlano della  lingua cinese. Il Cantonese,  d’altra parte , è un dialetto ampiamente parlato della lingua cinese orale, utilizzato come lingua colloquiale  di tutti i giorni ma non scritta, a causa dei suoi caratteri tradizionali più complessi.  In aggiunta a questi principali dialetti cinesi, altre varianti regionali meno diffuse parlate in tutta la Cina includono Min, Hakka e Wu (a cui  a volte  ci si riferisce con la denominazione di  Shanghainese).

Naturalmente,  il cinese è  una  delle lingue  più  parlate  al mondo,  con circa 1,3 miliardi di madrelingua, molti dei quali  si trovano fuori dal territorio cinese. Esistono delle comunità che parlano cinese in tutto il mondo, ma  è lingua ufficiale in  molti  Paesi e territori asiatici, come Hong Kong, Macao, Taiwan e Singapore.  

A Singapore, si usa lo stesso cinese  mandarino  semplificato, o standard, che viene parlato nella Cina continentale.  A Hong Kong  e  Macao , la popolazione parla il Cantonese. A  Taiwan, si parla il  Mandarino.  Tutti questi  Paesi e regioni , tuttavia,  scrivono  in  cinese tradizionale .  Tuttavia,  nonostante  condividano  una lingua scritta,  le espressioni scritte variano  da regione a regione , molto similmente a come si potrebbero immaginare le  espressioni  spagnole che variano leggermente tra Spagna e Messico. 

Ovviamente, il quadro completo è più complicato di così ed esistono cosi tanti dialetti meno utilizzati, caratteri specifici e altri aspetti della lingua che differiscono tra le regioni che parlano cinese, ma  questa panoramica aiuterà a rispondere alla seguente domanda: 

In quale dialetto cinese bisognerebbe tradurre?

Traduzione e localizzazione in cinese

Come si può tranquillamente ipotizzare, la risposta a questa domanda dipende dal proprio pubblico di destinazione.  Per la maggiore, il dialetto più comunemente scelto per la traduzione è la forma semplificata del cinese che le persone che si trovano nella  Cina continentale  saranno in grado di leggere e comprendere.  Per le aziende che cercano di entrare nel mercato cinese, questa è la lingua che andrebbe scelta quando si traducono siti web, materiali di marketing, descrizioni di prodotti, contratti legali e altri asset.  Lo stesso discorso vale se si traducono documenti personali da utilizzare nella  Cina continentale , come l’identificativo per un visto,  annunci di selezione del personale per babysitter e addetti alle pulizie o, addirittura, lettere d’amore (sì, abbiamo tradotto anche quelle!). Naturalmente,  nelle traduzioni personali , posso  esserci  dei casi eccezionali  in cui si dovrà utilizzare un dialetto regionale  più raro , ma per scopi commerciali il cinese semplificato dovrebbe essere la scelta traduttiva a cui fare riferimento.  

Se  si cerca  di fare attività commerciale a Taiwan o a Hong Kong, comunque,  è meglio  utilizzare il cinese tradizionale. Come accennato in precedenza, coloro che  usano  il cinese tradizionale  e il cinese semplificato fondamentalmente parlano due lingue diverse, quindi è importante scegliere la variante linguistica giusta a seconda del mercato e del pubblico di destinazione. Sebbene il cantonese sia la principale lingua parlata a Hong Kong,  il cinese tradizionale rappresenta ancora la forma di comunicazione da utilizzare quando si tratta della  maggior parte  dei progetti di traduzione e localizzazione  per la propria attività o le proprie esigenze personali.  La traduzione in Cantonese  solo raramente  entrerebbe in gioco per progetti come trascrizioni, oppure se si sta cercando una traduzione molto informale e colloquiale per un pubblico familiare. 

Sebbene il  cinese  sia una delle lingue ufficiali di Singapore, nonché ampiamente parlata, molte delle attività commerciali che hanno luogo nel Paese vengono,  in realtà, svolte  in inglese e quasi tutti nel Paese parlano tale lingua. Pertanto, se si sta cercando soltanto di raggiungere  il mercato di  Singapore , è più importante localizzare i propri contenuti in inglese, piuttosto che tradurli. 

Suggerimenti aggiuntivi per la localizzazione in cinese 

La Cina è un enorme mercato  dall’enorme potenziale, rendendolo uno dei principali obiettivi delle aziende internazionali in espansione. Se la tua azienda è una di quelle, abbiamo alcuni suggerimenti aggiuntivi per te, che ti aiuteranno con altri aspetti della localizzazione destinata alla Cina, oltre  alla mera traduzione nel  dialetto  giusto.

1. Parti dalle città di I livello – Il mercato cinese è suddiviso in  un sistema di città raggruppate in diversi livelli, con 5  livelli basati su fattori come PIL e popolazione.  Se vuoi avere successo in Cina, orientati verso le città del I livello, come Pechino, Canton,  Shanghai  e Shenzhen , seguite dalle  nuove  città  inserite nel  I  livello, come  Chengdu  e  Hangzhou, per poi  farti strada verso il II livello e così via. Inserisci queste aree metropolitane nel mirino del tuo piano marketing, rendi le spedizioni disponibili verso tali zone oppure apri uffici o negozi fisici nei loro distretti finanziari e commerciali. 

2. Ricerca il  potenziale  successo del tuo settore in Cina  –  I settori che hanno maggiore potenziale in Cina includono  gaming,  moda ed e-commerce.  Infatti, le vendite di e-commerce in Cina rappresentano fino al  3,2% del PIL del Paese, rispetto ad appena il 2,7% degli USA, secondo Asialink Business.  Con 632 milioni di utenti Internet, questo boom dell’e-commerce significa che la tua attività può andare bene in Cina anche con una minima  presenza fisica. Se la tua  attività ricade in una di queste sfere, verifica la concorrenza locale e guarda come puoi servirti della localizzazione per raggiungere una nuova clientela in Cina. Se non è questo il tuo caso, assicurati che il tuo settore abbia una possibilità di entrare in questo difficile mercato, prima di compiere il grande passo. 

3. Utilizza il giusto canale social media  e  localizza  il SEO  –  Magari hai  tradotto i tuoi annunci, il tuo sito web e le descrizioni dei prodotti nel dialetto cinese corretto, ma come fai ad avere la certezza che il tuo marchio e il tuo messaggio raggiungano il tuo pubblico madrelingua cinese?  Se  miri  ai mercati di Hong Kong  o Taiwan, la tua localizzazione sarà molto più facile, grazie al fatto che i  siti web e le app soggetti a limitazione nella Cina continentale sono invece disponibili in questi territori.  Se , invece, miri  a trovare clienti in Cina,  tuttavia,  puoi  anche scordarti di Facebook, Google,  YouTube e della maggior parte degli altri siti utilizzati dal mondo occidentale. Baidu è il  motore di ricerca più popolare in Cina, quindi  dovrai  impostare i tuoi annunci in cinese lì, oltre a  fare una ricerca di parole chiave locali, per  migliorare il tuo SEO  e  collocarti bene sui SERP di Baidu. È importante anche calibrare i tuoi contenuti, per assicurarti di  evitare di essere  soggetto a limitazioni  dalle autorità  cinesi  per aver utilizzato ” parole  vietate”.  

Per quanto riguarda i social media,  WeChat  è il posto in cui trovarsi se si desidera guadagnare un seguito e attirare clienti in Cina. Che cos’è  WeChat? Pensa a  WhatsApp, Facebook,  Instagram,  PayPal, Zoom e gaming ibrido. Gli utenti cinesi possono  fare  di tutto su questa  piattaforma, quindi vorrai costruire la tua presenza lì sopra.  Weibo è la seconda più grande piattaforma social media del Paese,  simile a  Twitter, ma senza limite di caratteri.  E, naturalmente, TikTok, noto come  Douyin  in Cina, spopola di questi tempi. Assicurati non soltanto di tradurre e  localizzare  tutti  i tuoi contenuti social media per il tuo pubblico cinese, ma accertati che siano visibili proprio dove  dovrebbero esserlo . 

Pensi di essere pronto per conquistare il mercato cinese? Si tratta di un compito difficile, ma di quelli che potrebbero ricompensarti al meglio, se fatto bene. Gli esperti  nativi  cinesi di BLEND possono aiutarti a tradurre e localizzare tutti gli aspetti della tua  attività, per attirare  il pubblico locale in Cina e nelle regioni in cui si parla cinese.  

Sei pronto per partire con la localizzazione?
iniziare

You may also enjoy

Mettiti in contatto

Cerchi di incorporare nativamente la tua presenza nei nuovi mercati mondiali? Parla con un nostro rappresentante oggi stesso e discuti del perfetto MIX di servizi di localizzazione.